↑ Torna a I luoghi

Scopello / Zingaro

Scopello e lo Zingaro

scopello@castellammaredelgolfo.com 

Dal piccolo borgo di Scopello, che si sviluppa attorno alla corte di un baglio (agglomerato quadrangolare cinto da mura, contenente una sorgente d’acqua e una vasca-abbeveratoio al centro del feudo, dove si svolgevano i lavori di masseria agricolo-pastorali) è possibile iniziare un percorso variegato, la visita alla vecchia tonnara, oppure un giro per i numerosi produttori di ceramiche.

Oppure partire alla volta della bellissima e incontaminata Riserva Naturale orientata dello Zingaro: piccoli sentieri strategicamente disegnati sui dirupi, arrivano fino al mare o si inerpicano sui monti, regalandoci uno degli scenari mediterranei più integri che siano rimasti.

Se si è fortunati, e se si rispetta il sacro silenzio che vi si respira, si possono ammirare: falchi pellegrini, aquile del Bonelli, poiane, gheppi, nibbi reali, in un ambiente ricco di piante endemiche e rare che fanno della riserva una vera oasi di biodiversità, la cui regina assoluta è la palma nana – simbolo della riserva – che nasce spontanea in ogni anfratto e dirupo del parco.

La fatica della passeggiata è ampiamente ripagata da uno spettacolo naturale di assoluta bellezza, e da un bagno ristoratore nelle limpide e incontaminate spiagge dalla riserva.